Bimbo Faber 2023. Daniele Basso, artista e ambasciatore del Premio


Il Premio Bimbo Faber, giunto quest’anno alla sua terza edizione, prende le mosse dall’omonima opera dell’artista biellese Daniele Basso, realizzata nel 2019 in occasione dei 50 anni di CNA Biella. Passione, Territorio e Progetto sono le parole chiave che accomunano l’opera al Premio, tanto da diventarne il claim ufficiale.

Bimbo Faber viene messo in palio con cadenza annuale da CNA Biella per riconoscere, valorizzare e premiare i migliori progetti legati al territorio, ovvero quella progettualità in grado di creare valore, facendo crescere ed evolvere l’intera comunità, e fornendole gli strumenti che le permettano di affrontare un futuro ricco di sfide e di altrettante incognite, avendo sempre come punto di riferimento il bene comune.

«Essere artigiani è un fatto di passione – aveva dichiarato Daniele Basso presentando Bimbo Faber -. Bimbi alla ricerca di identità, che affrontano ogni giorno, con curiosità e coraggio, nuove sfide. Per raggiungere l’eccellenza. Per lasciare un segno. Un’eredità che diventa prima cultura di famiglia, poi della comunità, fino ad essere espressione di un intero territorio. Vedere il mondo con gli occhi di un bambino è sempre un grande vantaggio. Permette di cogliere lo stupore della vita. Di entusiasmarci e mettere questa energia al servizio del progetto. Chi fa l’artigiano in Italia oggi non può che voler proteggere questo straordinario spirito d’iniziativa, che ci porta oltre i nostri limiti ogni giorno. Bimbo Faber è il simbolo di questo spirito indomito e curioso, che ci rende inventori, costruttori, esploratori dell’ignoto ed entusiasti della vita».

«Dal 2019, quando è nata la scultura, fino ai giorni nostri il mondo è cambiato – sottolinea l’artista biellese, che è anche Ambasciatore del Premio -. Pandemia, guerre, recessione e un futuro sempre più incerto accompagnano l’immaginario dei giovani che faticano a riconoscersi e a riconoscere una strada, un sogno, un progetto. Oggi come non mai dare un segno di riconoscenza a progetti che portano valore non solo ai protagonisti ma a tutta la comunità è un valore straordinariamente necessario. Vorrei che nel 2023 il Premio Bimbo Faber avesse questo sapore, di comunità, di obiettivi condivisi, di progetti per migliorare il futuro di tutti e del nostro territorio. Che nella pratica è straordinario e ricco di varietà e opportunità geografiche, sociali, culturali e economiche. Occorre forse lavorare sull’atteggiamento con cui lo si vive. Essere più aperti alle sfide e ai cambiamenti, come ai compromessi per condividere percorsi virtuosi. Nel 2023 da soli non si fa più nulla. E le edizioni passate del Premio sono la confermata tangibile di questa che non è una tendenza ma un nuovo approccio al progresso e al benessere. Parafrasando Riccardo Gualino… Per noi. I nostri figli. I nostri nipoti».

Per partecipare all’edizione 2023 del Premio Bimbo Faber basta accedere al seguente link https://biella.cna.it/bimbo-faber/il-premio/?fbclid=IwAR2JaS6lxgYLXpK3BTz3OXPcYLP0ACrlvaWZ6uoq_pzAxZn9bW9HmXq6_RE

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Articoli simili