Riprendiamo la nostra rubrica che racconta alcune delle più belle storie di imprenditori di successo della nostra provincia. Oggi abbiamo ospite Claudio Capellaro Siletti, che ci racconta la sua impresa familiare: Idro Gas.

 

1. Raccontaci brevemente la storia della tua impresa: da com’è nata a oggi, e perché hai scelto proprio questo lavoro

Le origini documentate della nostra attività risalgono al settembre del 1970 quando nostro padre Gianni, dopo circa un decennio di esperienza nel settore come dipendente, si iscrive alla allora Camera di Commercio di Vercelli come ditta individuale.

A metà degli anni ‘70 ha fondato con il fratello la Termoidraulica F.lli Capellaro Siletti snc, con sede ad Andorno Micca.

Nel 1984 e nel 1986, al termine del percorso scolastico, io e mio fratello Fabio abbiamo iniziato a collaborare in qualità di coadiuvanti.  Nel 1989, sciolta la vecchia società, abbiamo costituito la IDRO GAS, ditta individuale di proprietà di nostro padre Gianni, con noi due come dipendenti.

Nel 1995 la IDRO GAS si è poi trasformata in snc con 3 soci titolari.

Infine, alla metà degli anni 2000 nostro padre ha raggiunto i limiti di età pensionistica e ha ceduto le sue quote a me e mio fratello Fabio. Questo fino ai giorni nostri.

Più che la scelta di una professione, quindi, il nostro è stato un naturale passaggio generazionale, che non si è limitato alla sola capacità tecnica imprenditoriale, ma anche e soprattutto al trasferimento di quei valori che sono la base di un’attività a conduzione famigliare di qualsiasi dimensione essa sia, una caratteristica prettamente italiana.

2. Hai incontrato dei momenti di crisi, in cui pensavi di non farcela?

La ciclicità nel settore in cui operiamo si è fatta via via sempre più altalenante, soprattutto dopo la metà degli anni ‘90. Possiamo dire di non aver mai pensato di abbandonare il nostro percorso professionale. Questo grazie alla capacità di ampliamento, miglioramento e specializzazione dei servizi offerti alla nostra clientela, che ci ha portati a operare anche al di fuori dei confini nazionali.

Sicuramente il tutto è stato facilitato dalle piccole dimensioni della nostra realtà, dalla capacità di adattamento e dalla lunga esperienza.

 

3. Qual è secondo te il valore aggiunto della tua azienda, quello che la differenzia dai suoi competitor?

Sicuramente la professionalità e il continuo aggiornamento tecnico normativo e fiscale che ci permette di offrire interventi chiavi in mano comprensivi di qualsiasi onere e documentazione.

Ma anche la continuazione del rapporto con i clienti con assistenza e manutenzioni periodiche e il servizio di continua reperibilità.

 

4. Quante persone vi operano?

La nostra è un’impresa composta da 2 persone.

 

5. Quali sono i prodotti/servizi di punta?

Ci occupiamo di impiantistica termoidraulica civile a 360 gradi, dalla più complessa e tecnologica centrale termica alla piccola riparazione. Realizziamo impianti di riscaldamento e idrosanitari, impianti a gas e con energie rinnovabili, solari termici e pompe di calore. E ancora, manutenzione di caldaie con assistenza e ricambistica.

6. Come sei arrivato in CNA e di quali servizi ti avvali?

Fin dal 1970, praticamente neanche un anno dopo la sua fondazione, nostro padre si è associato a CNA Biella fino a diventarne anni dopo Vicepresidente. Possiamo dire che CNA è stata uno di quei valori trasferito naturalmente come l’impegno alla vita associativa. Da sempre ci affidiamo all’associazione per tutti i servizi di cui la nostra impresa necessita.

 

7. Il futuro: come vedi la tua azienda nei prossimi 10 anni?

Le vicende sanitarie e politiche degli ultimi mesi hanno sicuramente condizionato la visione e le prospettive a lungo termine.

Si è consolidata una forte incertezza generale rimarcando pesantemente i dubbi già presenti dalla debole congiuntura pre-pandemia.

È in atto una forte accelerazione al cambiamento legato soprattutto all’innovazione tecnologica, che inevitabilmente modificherà la nostra intera società.

Il nostro è sempre stato un settore in continua evoluzione dal punto di vista tecnico/normativo, quindi abituato ai cambiamenti. Ma, almeno per l’immediato futuro, sarà ancora legato all’operatività umana. La vera sfida sarà riuscire a compiere quel naturale trasferimento generazionale che non deve essere per forza consanguineo.

 

8. Il digitale: la tua azienda lo sta sfruttando? Come? Sito web, blog, ecommerce, email marketing, social media marketing?

Come si diceva prima, il nostro è un settore in forte e continua evoluzione: negli anni l’adozione di tecnologie e strumenti digitali è stata una salutare via obbligata più che un’imposizione dettata dai tempi. L’utilizzo di strumenti come software dedicati, cloud, internet e sofisticate apparecchiature tecnologiche fanno oramai parte da tempo nel nostro quotidiano.

Possiamo dire che, nel nostro piccolo, ci riteniamo abbondantemente strutturati fino ad arrivare abitualmente a erogare prestazioni, servizi e consulenze anche a colleghi di altre imprese che operano nel nostro stesso settore.

Negli ultimi tempi abbiamo rivolto la nostra attenzione allo sviluppo dei nuovi sistemi finanziari digitali non solo limitandoci ad adottare sistemi di pagamento come l’ormai collaudato PayPal, ma spingendoci in maniera del tutto pionieristica, almeno per il nostro territorio e il nostro settore, anche al mondo delle criptovalute.

Stiamo inoltre ponendo molta attenzione alla DeFi, la finanza decentralizzata, un settore che potrebbe a breve rivoluzionare il sistema bancario tradizionale e vorremmo capire in anticipo quali opportunità potrebbe riservare alle imprese della nostra dimensione.

In egual maniera abbiamo sviluppato un nutrito interesse per la tecnologia blockchain, che per il momento è ancora in una fase embrionale, anche se già utilizzata: ci interessa molto la possibilità di un’archiviazione indelebile.

Per quanto riguarda la comunicazione diciamo che storicamente non è mai stata una priorità, anche se ne riconosciamo il grande valore. Sicuramente in un prossimo futuro cercheremo di capire quale degli attuali strumenti sia più consono alla nostra filosofia d’impresa e ci muoveremo di conseguenza.

 

9. Emergenza Covid: come ha cambiato la tua azienda? Al di là di tutte le disposizioni di sicurezza a cui attenersi, ti sei ritrovato nella condizione di studiare anche un nuovo modello di business, con nuovi metodi di vendita e nuove soluzioni?

Crediamo che applicare strategie specifiche in questa fase sia abbastanza prematuro: esistono solo percezioni o ipotesi di quello che potrà essere lo scenario futuro e dovremo attendere almeno il 2021 per avere una visione più dettagliata delle trasformazioni causate dalla pandemia.

Tuttavia, le recenti disposizioni governative in materia di sgravi fiscali evidenziano chiare opportunità per le imprese che operano nel settore: si tratterà di capire meglio quali siano le più consone alle nostre dimensioni per poterle integrare alle offerte che già proponiamo alla nostra clientela.

 

Contatti

Sede: Via Cavalieri di Vittorio Veneto 13, Andorno Micca (BI)

Telefono: 015472672 – 3484501070/1

Email: idro.gas@tiscali.it