CNA Biella ha deciso di essere ancora più vicino alle imprese del territorio in questo momento storico così duro per tutti.

Il nostro Presidente Gionata Pirali, ogni settimana, ci racconterà tramite brevi video realizzati da casa che cosa sta facendo l’Associazione e a quali tavoli di lavoro sta prendendo parte in videoconferenza per gestire la crisi con gli altri enti territoriali e le istituzioni.

Puntata numero 1: sempre più vicini alle nostre imprese

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

 

Le parole del Presidente

Buongiorno a tutti,

abbiamo deciso di realizzare questa rubrica per cercare di essere ancora più vicini alle nostre imprese e ai nostri artigiani.

In questi pochi minuti cercherò di spiegarvi quello che sta facendo la nostra Associazione in questo momento di grande difficoltà per tutti.

Mi viene in mente il nostro slogan dell’anno scorso, quello che abbiamo festeggiato i nostri 50 anni, in cui richiamavamo che da 50 anni eravamo vicini alle nostre imprese per farle crescere.

Purtroppo dal 17 marzo di quest’anno dobbiamo essere sicuramente ancora più vicini alle nostre imprese per far sì che abbiano tutto il supporto e che continuino a sopravvivere per il bene di tutto il tessuto economico produttivo nazionale.

Dal 17 marzo di quest’anno la nostra vita è cambiata, sia come persone che come aziende.

La nostra Associazione da quella data è sostanzialmente occupata su tre fronti:

  • il primo è quello di riuscire a dare delle risposte concrete a tutte le domande che i nostri associati ci pongono a seguito dei numerosi interventi legislativi che quasi a cadenza quotidiana ormai riceviamo;
  • il secondo e il terzo possono essere riassunti sotto a un unico cappello, che è quello della liquidità, cosa fondamentale in questo momento.

Quindi noi stiamo lavorando principalmente ancora su due fattori:

  • il primo è quello di riuscire a fare sistema per far sì che il nuovo decreto, previsto per aprile, tenga conto di moratorie ancora più larghe e ancora più incisive a tutela delle nostre imprese;
  • l’altro è quello di riuscire a lavorare con gli istituti di credito per poter dare la liquidità sotto forma di pacchetti messi ad hoc in pista dalle banche, in modo che riescano da una parte a contenere gli esborsi correnti e dall’altra parte riuscire ad avere della nuova liquidità.

Questo è l’obiettivo che ci stiamo prefissando per tutte le nostre imprese.

È un lavoro lungo, ma abbiamo già iniziato a farlo, siamo tutti focalizzati, tutti i dirigenti dell’Associazione si stanno muovendo in tal senso. Siamo assolutamente fiduciosi che ciò vada a buon fine, ma dobbiamo avere pazienza.

Chiudo dandovi due miei inviti personali: il primo è quello di riuscire a stare a casa, come ci stanno già dicendo da tempo, per far sì che questa pandemia si esaurisca il prima possibile.

Il secondo è quello di non perdere la fiducia perché insieme riusciremo ad uscire da questo terribile momento.

Buona salute a tutti!