Home/Scadenze/Le scadenze di giugno 2017

Le scadenze di giugno 2017

By |31 Maggio 2017|Scadenze|

Ecco tutte le scadenze di giugno 2017:

 

Lunedì 5/6/2017 – Bando ISI INAIL 2016: chiusura sportello per inserimento domande.

Dal 19/04/2017 al fino alle ore 18 del 05/06/2017 sarà possibile inserire on-line i progetti, per verificare il raggiungimento del punteggio-soglia

 

Lunedì 12/6/2017 – Bando ISI INAIL 2016: scaricamento codice identificativo e data click – day.

Per la partecipazione al bando isi inail 2016:

– dal 12/06/2017 le imprese che avranno raggiunto tale punteggio potranno scaricare il codice identificativo da utilizzare in occasione del click-day;

– dal 12/06/2017 saranno comunicate le date dei click-day.

 

Giovedì 15/6/2017 – Comunicazione dell’agente della riscossione a seguito della “Dichiarazione di adesione alla definizione agevolata” (“Rottamazione delle cartelle”).

Scade il termine entro il quale l’agente della riscossione deve comunicare ai debitori che hanno presentato la “Dichiarazione di adesione alla definizione agevolata” (“Rottamazione delle cartelle” – ex art.6 del D.L. n.193/2016, convertito con modificazioni dalla legge n.225/2016), l’ammontare complessivo delle somme dovute ai fini della definizione, nonchè quello delle singole rate, e il giorno e il mese di scadenza di ciascuna di esse.

 

Venerdì 16/5/2017 – Contributi previdenziali e assistenziali INPS

Termine per effettuare il versamento con Modello F24:

– da parte dei datori di lavoro, dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti per retribuzioni di competenza del mese precedente;

– da parte dei committenti e associanti, dei contributi previdenziali dovuti per i compensi corrisposti nel mese precedente a lavoratori a progetto, a collaboratori coordinati e continuativi, a collaboratori occasionali, a lavoratori autonomi occasionali e ad associati in partecipazione d’opera, nonché sulle provvigioni corrisposte agli incaricati alle vendite a domicilio.

 

Venerdì 16/6/2017 – Ritenute alla fonte su provvigioni.

Termine ultimo per il versamento con F24 modalità telematica per i titolari di partita Iva, ovvero al concessionario della riscossione, alla banca, all’ufficio postale o con modalità telematiche, per i non titolari di partita Iva, delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente riguardanti provvigioni.

 

Venerdì 16/6/2017 – Ritenute alla fonte su redditi di lavoro autonomo.

Termine ultimo per il versamento con F24 modalità telematica per i titolari di partita Iva, ovvero al concessionario della riscossione, alla banca, all’ufficio postale o con modalità telematiche, per i non titolari di partita Iva, delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente riguardanti redditi di lavoro autonomo.

 

Venerdì 16/5/2017 – Datori di lavoro – ritenute alla fonte su redditi di lavoro dipendente e assimilati.

Termine ultimo per il versamento, mediante modello F24, da parte dei datori di lavoro sostituti d’imposta, delle ritenute alla fonte operate su redditi di lavoro dipendente ed assimilati, corrisposti nel mese precedente.

 

Venerdì 16/6/2017 – Iva – liquidazione periodica e versamento mensile.

Scade il termine per l’effettuazione del versamento dell’Iva risultante dalla liquidazione relativa al mese di maggio.

Se l’importo risultante dalla liquidazione periodica NON supera il limite di euro 25,82 è da riportare nella liquidazione periodica successiva.

I contribuenti che affidano a terzi la tenuta della contabilità, per il calcolo dell’imposta a debito o a credito possono fare riferimento alle registrazioni eseguite nel mese di aprile.

 

Venerdì 16/6/2017 – Iva – versamento quarta rata debito derivante da dichiarazione annuale.

Scade il termine per effettuare il versamento della quarta rata, (su un massimo di nove), del debito Iva risultante dalla dichiarazione annuale relativa all’anno 2016, da parte dei soggetti che hanno scelto il pagamento rateale.

Sulla rata devono essere applicati gli interessi nella misura dello 0,33% mensile a decorrere dal 16 marzo 2017.

 

Lunedì 26/6/2017 – Elenchi mensili INTRASTAT ( il 25 giugno cade di domenica).

Scade il termine per la presentazione in via telematica degli elenchi riepilogativi delle cessioni intracomunitarie di beni – prestazioni di servizi resi, e degli acquisti intracomunitari di beni e servizi relativi al mese precedente. 

 

Giovedì 29/6/2017 – MUD – termine ultimo per la presentazione della dichiarazione con sanzioni ridotte.

Termine per la presentazione della dichiarazione annuale MUD (Modello Unico di Dichiarazione) con l’applicazione della sanzione amministrativa ridotta (da 26 a 260 Euro).

 

Venerdì 30/6/2017 – DIRITTO ANNUALE da versare alla Camera di Commercio.

Le imprese che al 1° gennaio dell’anno di riferimento sono iscritte o annotate nel Registro Imprese, nonché le imprese iscritte o annotate nel corso dell’anno di riferimento, devono provvedere al pagamento del diritto annuale dovuto alle Camere di commercio.

Il diritto annuale deve essere versato in unica soluzione entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, vale a dire entro il 30 giugno 2017, oppure entro il 30 luglio 2017 con la maggiorazione dello 0,40%.

Si ricorda che con il riordino del sistema delle Camere di Commercio è stata prevista una riduzione graduale del diritto camerale fino al 50% dell’importo del 2014, così articolato su 3 anni:

– Anno 2015: – 35%

– Anno 2016: – 40%

– Anno 2017: – 50%

 

Venerdì 30/6/2017 – Denuncia TARI.

I soggetti passivi, presentano la dichiarazione relativa alla TARI entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili al tributo.

 

Venerdì 30/6/2017 – Presentazione Unico 2017 – Persone fisiche che non hanno la possibilità di utilizzare il modello 730.

Scade il termine per le persone fisiche che non hanno la possibilità di utilizzare il mod. 730 e che non sono obbligate all’invio telematico del modello Unico, per la presentazione cartacea presso gli uffici postali, della dichiarazione dei redditi e della scelta relativa alla destinazione dell’otto e del cinque per mille.

 

Venerdì 30/6/2017 – Saldo e 1° acconto IRPEF, IRES, IRAP e contributi.

Versamento del saldo e 1° rata dell’acconto Irpef/Ires/Irap e contributi INPS da parte delle persone fisiche titolari e non di Partita Iva, società di persone, nonché soggetti Ires con esercizio coincidente con l’anno solare. I predetti versamenti possono essere eseguiti in un’unica soluzione o rateizzati fino a un numero massimo di 6 rate.

Entro lo stesso termine devono essere effettuati i versamenti dell’imposta sostitutiva dei redditi e/o dell’IRAP per il riallineamento:

– dei valori fiscali ai maggiori valori civili (Quadro EC) (art. 1, comma 48, L. 244/2007);

– dei maggiori valori iscritti a seguito di operazioni di conferimento di azienda, fusione e scissione (art. 1, commi 46-47 L. 244/2007);

– dell’avviamento, dei marchi e delle altre attività immateriali (D.L. 185/2008 art. 15, comma 10);

– dei maggiori valori attribuiti ad attività diverse (immobilizzazioni finanziarie, attivo circolante, e crediti) a seguito di operazioni di fusione, scissione e conferimento (D.L. 185/2008, art. 15, comma 11).

Il versamento può essere effettuato entro il 31 luglio 2017, con la maggiorazione dello 0,40%.

 

Venerdì 30/6/2017 – Saldo e 1° acconto cedolare secca.

Termine entro il quale deve essere effettuato il versamento del saldo e della 1° rata dell’acconto per la cedolare secca.

 

Venerdì 30/6/2017 – Saldo e 1° acconto imposte di società che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio.

Scade il termine per il versamento del saldo 2016 e del 1° acconto 2017 per le imposte delle società che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio (società con esercizio coincidente con l’anno solare).