Oggi parliamo della professione dell’odontotecnico, una vera e propria figura artigianale: scopriamo insieme chi è e che cosa fa esattamente.

Cosa fa l’odontotecnico

Lodontotecnico è un artigiano, infatti la sua collocazione giuridica non risulta tra le professioni sanitarie, ma è colui che sui modelli ottenuti delle impronte fornite dagli odontoiatri costruisce protesi dentarie e ortodontiche di qualsiasi tipo e genere.

Le impronte fornite all’odontotecnico devono essere accompagnate da una prescrizione che riporta il tipo di protesi da eseguire, il materiale da impiegare e tutte le informazioni di progettazione necessarie alla realizzazione del manufatto.

L’odontotecnico non è autorizzato a compiere operazioni più o meno invasive nel cavo orale dei pazienti, ma solo l’odontotecnico è abilitato a costruire dispositivi medici su misura che successivamente verranno installati nella bocca dagli odontoiatri, ovvero i dentisti.

È quindi molto importante sapere che è solo la qualifica e la professionalità dell’odontotecnico a fornire la dichiarazione di conformità da allegare al prodotto finito.

Professione Odontotecnico: il passato e il futuro

Come tante altre attività, anche quella degli odontotecnici ha subìto negli ultimi anni un notevole calo, con la chiusura di tanti laboratori.

In Italia, infatti, nel 2007 i laboratori attivi erano 15.175, ma oggi ne sono rimasti 11.933, e purtroppo il post pandemia ne prevede un ulteriore forte calo.

Alla luce di questi dati, come per altre attività artigiane, il futuro dell’odontotecnico in Italia non potrà che percorrere due strade: quella di un’ulteriore specializzazione e individualizzazione dei manufatti protesici e ortodontici unita a un servizio sempre più adeguato al prodotto, e l’altra con la nascita di super-laboratori con centinaia di dipendenti, modello importato dagli Stati Uniti e Australia che però si porta dietro tante criticità.

Siamo infatti convinti che i manufatti prodotti in laboratori artigianali medio-piccoli sono il risultato del binomio “apporto tecnologico + individualizzazione/personalizzazione” di ogni singolo paziente, che in una lavorazione industriale è ben difficile da ottenere.

Come molte altre attività, anche quella dell’odontotecnico ha introdotto tecnologie all’avanguardia.

Molte lavorazioni non utilizzano più una spatola per modellare un dente o una pinza per piegare i fili ortodontici; i nuovi strumenti del mestiere sono ormai diventati software molto sofisticati, stampanti 3D, fresatori cad-cam che supportano e permettono lavorazioni di materiali innovativi.

Lo sforzo e l’impegno di questa categoria è infatti proprio quello di fondere insieme l’esperienza del saper fare con l’apporto e il supporto delle nuove tecnologie.

Solamente le sinergie di queste competenze possono essere garanzia di un risultato vincente e garanzia di lavori eseguiti a “regola d’arte”, per la salute e il benessere dei fruitori finali, ovvero i cittadini.

Se vuoi saperne di più oppure sei un odontotecnico e vuoi capire che tipo di servizi ha riservato per te la nostra Associazione, contattaci: tel 015.351121 – email mailbox@biella.cna.it.